Loading
Corporate video
Maflex headquarter in Lucca
Home / News /

Economia circolare e Tissue converting machinery


Economia circolare e Tissue converting machinery

L’approccio Maflex verso questo modello di produzione e consumo.

Il focus dell’economia circolare è prolungare il ciclo di vita dei prodotti e simultaneamente contribuire alla riduzione dei rifiuti. Applica la regola delle tre “R”: ridurre, riusare e riciclare e rappresenta senza dubbio un’opportunità di business anche per il settore del tissue converting.

 

L’approccio Maflex all’economia circolare: la r di «Risolvere».

Secondo Maflex, che distingue per una spiccata propensione a soddisfare esigenze specifiche, suo grande valore aggiunto, orientare i clienti verso scelte consapevoli e investimenti sostenibili è fondamentale. “Il nostro approccio tailor-made consente di risolvere, rigenerare e ricondizionare, aggiungendo tre nuove ‘R’ a disposizione dei trasformatori.” Spiega il General Manager Luca Mazzotti. “Maflex si distingue per il supporto consulenziale estremamente personalizzato. E si propone di «Risolvere» diverse problematiche legate al processo di trasformazione che rientrano anche nell’ambito della circular economy, come ad esempio la possibilità di potenziare macchinari esistenti, grazie all’integrazione di soluzioni di automazione più avanzate o di consentire, in modo semplice e versatile, la produzione automatica di prodotti Coreless, considerati uno “zero waste” nel panorama dei prodotti tissue AFH.”

 

Per Maflex la consapevolezza passa dal design costruttivo. I vantaggi della Maflex Modular Philosophy cominciano dalle fasi di spedizione e installazione, fino alla produzione e l’utilizzo.

La natura compatta dei moduli, infatti, incide sul loro ingombro, con abbattimenti notevoli dei costi di trasporto e, di conseguenza, dell’impronta ambientale. L’indipendenza e l’autonomia dei moduli, ognuno con proprio quadro elettrico integrato e tutti gli apparati necessari per il funzionamento, assicurano tempi di montaggio rapidi, limitati fermi di produzione e soprattutto facili innesti o aggiornamenti su impianti esistenti.
“L’approccio modulare Maflex favorisce la gestione delle modifiche: «rigenera». Ogni unità può essere integrata in modo fluido con nuove tecnologie: la linea di trasformazione rimane all’avanguardia secondo gli sviluppi del settore, nel rispetto di un approccio consapevole orientato al futuro.”

Aggiornare senza soluzione di continuità evita ristrutturazioni complete e massimizza la durata di vita dell’apparecchiatura (fondamentale nella Life Cycle Assessment – LCA), promuovendo un’economia circolare che rimanda lo smaltimento di macchinari obsoleti. “Questo sistema progettuale, infatti, interviene su manutenzione e di conseguenza su durata. La semplificazione degli interventi contribuisce alla loro resilienza. Le singole unità possono essere manutenute, affrontate e aggiornate singolarmente, garantendo una efficiente continuità operativa.” La Maflex Modular Philosophy, consente interventi mirati e precisi al fine di garantire l’operatività nel più lungo periodo possibile e si traduce in un alto valore residuo. “È un aspetto importantissimo perché assicura un investimento sostenibile, allineato all’impegno economico e alle tematiche circolari.” Continua Mazzotti. “Ogni macchina mantiene non solo l’efficienza nel più lungo periodo possibile ma anche il proprio valore nel tempo, posticipando ulteriori grossi investimenti e la dismessa dei macchinari.”

 

L’analisi delle necessità e la r di «Ricondizionare».

L’analisi delle necessità è sempre in primo piano e Maflex valuta con i propri clienti le opzioni, la possibilità di ottimizzare i sistemi ancora efficienti oppure quella di «Ricondizionare» se necessario. “Quando i sistemi impiegati non sono più in linea con le ambizioni del cliente e ci sono le condizioni, ci offriamo di ritirare i macchinari dismessi, con l’intento di riassegnarli a mercati più adatti.” Questa è una pratica, che ancora oggi, rappresenta un’opportunità per il settore del tissue, soprattutto in molte zone del mondo dove le esigenze tecnologiche e produttive possono variare notevolmente. “Ci sono molte aree nelle quali questa pratica si rivela ancora fondamentale ed è un’opportunità per promuovere un sistema di business efficiente e sostenibile e per partecipare alla nascita di un nuovo impianto di trasformazione.”

 

La r di «Rigenerare» con il Maflex Energy Regenerative System (MERS)

Supportare i clienti nel raggiungimento di determinati obiettivi circolari significa «Rigenerare» le tecnologie impiegate potenziandole ma anche sostenere le sue ambizioni produttive contenendone i consumi.
Il Maflex Energy Regenerative System (MERS) introdotto da Maflex nel 2010, è un sistema pioneristico che ridefinisce le pratiche di gestione sostenibile dell’energia con un risparmio fino al 20%. Un fabbisogno che non solo si può contenere ma anche riutilizzare. “Le unità di rigenerazione consentono al MERS di reintegrare l’energia non utilizzata, migliorando così la carbon footprint dell’apparecchiatura. MERS, riducendo la domanda totale di energia nell’impianto di produzione, contribuisce a ottimizzare l’efficienza energetica in uno dei settori industriali più esigenti da questo punto di vista.” Conclude l’Ing. Mazzotti.

 

Maflex si conferma partner proattivo nel supportare i clienti, persino nell’ambito della circolarità. L’offerta di soluzioni personalizzate, adattate alle esigenze e alle ambizioni individuali, rappresenta il primo passo per mitigare l’impatto e applicare la regola delle tre più tre ‘R’ nel settore della trasformazione del tissue.